Ormai dal 2014 il Sobrero partecipa al concorso organizzato dalla Federazione delle Associazioni scientifiche e tecniche (Fast) e, ad oggi, tutte le edizioni hanno visto la nostra scuola protagonista.
Anche quest’anno infatti il livello di eccellenza del Sobrero viene confermato: i due progetti presentati all’edizione 2018 del concorso ‘I Giovani e le Scienze’ hanno entrambi vinto prestigiosi riconoscimenti e, ancora una volta, i nostri studenti rappresenteranno l’Italia nel mondo.
Gli allievi sono stati giudicati da una commissione di 35 giudici tra docenti universitari e ricercatori Italiani e stranieri, che hanno selezionato gli studenti in base alle loro competenze linguistiche, scientifiche e relazionali.

Ecco i progetti:
Il progetto ‘SoBlue: un pigmento del passato con un nuovo futuro’, si è aggiudicato la partecipazione alla Fiera ISEF 2018, che si terrà nel mese di maggio a Pittsburgh. Gli allievi Valentina Bo, Samuele Ferrero e Roberto Mignacco hanno vinto il premio più ambito, illustrando in modo efficace e convincente i complessi nanostrutturati di argilla halloysite e coloranti.
I loro compagni Giulio Merlo, Francesco Marchisotti e Michele Roggero hanno presentato il progetto ‘Mono Ice: il gessetto che purifica le acque’, selezionato per la Fiera scientifica internazionale Liysf , che si terrà presso il prestigioso Imperial College di Londra nel mese di luglio 2018.
Questi riconoscimenti sono la giusta conclusione di un percorso progettuale di alto livello, che ha coinvolto in prima persona gli allievi del Liceo delle Scienze Applicate unitamente a quelli dell’indirizzo chimico, sapientemente guidati dai docenti Elisabetta Gaita, Daniela Sigaudo, Federica Borasi, Luca Cavallero, Rita Guaschino, Patrizia Cascio e, per quanto riguarda gli approfondimenti in lingua inglese, dalla professoressa Rachele Ferrara.

Vai al video di Valentina Bo che presenta il suo progetto a “Uno mattina” del 9 aprile 2018